- reset +

verso la Partenza...

Il clan si riunisce nella sala studio della Cappella dell’Università "La Sapienza", ogni martedì alle ore 20:00.
Contattaci, ti aspettiamo!


In Evidenza



Video

This page require Adobe Flash 9.0 (or higher) plug in.

Carta di Clan

Il Clan universitario "Il Mosaico" è composto da rover e scolte provenienti da tutte le parti d'Italia. Questi, infatti, sono tutti studenti universitari fuori sede che hanno deciso di continuare il loro cammino scout pur trovandosi lontano dalle loro comunità di origine, o di iniziarlo ex novo.

Il nome "Il Mosaico" è stato appositamente scelto poiché i suoi componenti costituiscono tasselli diversi di un unico grande disegno. I colori stessi del fazzolettone riflettono questa realtà: il rosso rappresenta il colore della branca R/S e lo scozzese, con la sua trama intrecciata, rimanda alle nostre diverse provenienze.

COMUNITA'

La comunità del Clan "Il Mosaico" è composta da studenti universitari fuori sede, e in quanto tale, una sua grande ricchezza è la condivisione del bagaglio di esperienze diverse che ognuno ha e che si porta dietro dai gruppi di provenienza.

Attraverso le numerose attività della comunità abbiamo modo di metterci in gioco e sperimentarci creando un banco di prova per la fiducia reciproca, consapevoli di una disponibilità costante da parte dei suoi membri e scegliendo di vivere in un clima di correzione fraterna. In questo senso vogliamo valorizzare la verifica in quanto luogo e momento nel quale si matura attraverso un atteggiamento sereno e costruttivo. Proprio per questo la nostra comunità non è, almeno come aspetto primario, un gruppo di amici. Questa caratteristica è solo un valore aggiunto che si manifesta con il tempo e che ci porta a vivere la comunità anche al di fuori delle attività scout, favorendo la coesione e l'affiatamento tra i suoi componenti.

Linfa vitale sono i nuovi membri verso i quali manifestiamo una particolare attenzione, che parte dall'accoglienza e prosegue nel tempo, per favorire un processo di integrazione nella nuova realtà che ci si ritrova a vivere. Riteniamo opportuno che gli R/S più anziani si mettano al servizio dei nuovi in tutto ciò che può essere loro utile per sentirsi parte attiva nella comunità. Naturalmente non sostituiscono il ruolo del progressore personale, ma fungono da ulteriore sostegno e possibilità di confronto.

La nostra comunità è fatta dalle persone che ci sono, ci credono, crescono e la fanno crescere. Tuttavia, a volte, la mancanza di comunicazione, coordinamento e concretizzazione ha comportato un impegno altalenante che in alcuni momenti ci ha reso impreparati. Ciò ha evidenziato la necessità di una maggiore responsabilizzazione da parte di ciascun membro nelle diverse attività, tramite un adeguato coinvolgimento individuale. Come Clan ci teniamo a far emergere i nostri talenti e riconoscere i nostri limiti, cercando con l'aiuto degli altri di affrontarli.

Sentiamo l'esigenza di avere uno spazio dedicato appositamente al confronto sui temi che più ci interessano, utilizzando vari strumenti tra cui il capitolo e le riunioni autogestite.

Rinnoviamo la nostra volontà di preparare per ogni riunione, con l'impegno di deciderli la settimana precedente, momenti di animazione e riflessione, al fine di condividere con il resto della comunità qualcosa che ci ha colpito o ci interessa particolarmente.

Ci impegniamo a vivere appieno tutti i momenti comunitari, in particolare il fuoco di bivacco e i giochi poiché li riteniamo importanti e non sacrificabili.

FEDE

Il Clan è un luogo di crescita nel quale si consolidano valori e principi imprescindibili dalla fede cristiana. Questa è per noi un dono che ci accompagna costantemente, ci da forza e aiuta ad affrontare anche gli avvenimenti negativi.

L'essere cristiani dovrebbe caratterizzare la nostra vita nelle singole scelte e testimoniare ciò attivamente diventa per noi un impegno concreto, pur consapevoli di trovarci in punti diversi del cammino.

Al momento non ci incontriamo ogni domenica per partecipare comunitariamente alla Messa, tuttavia è emersa la volontà di vivere insieme la celebrazione eucaristica almeno una volta al mese, perché questa possa fungere da stimolo per una crescita nel percorso personale e comunitario.

Coscienti della nostra appartenenza alla realtà della Cappella universitaria, riteniamo importante impegnarci maggiormente nella partecipazione alle sue attività, e in particolare a quelle liturgiche.

Vogliamo che ogni incontro del Clan inizi e si concluda con un momento di preghiera da noi preparato: questo incarico sarà assunto da un membro a rotazione all'inizio di ogni riunione per la settimana successiva.

Il "cammino di fede" proposto da noi di anno in anno, e svolto con la supervisione dello staff, ci aiuta a crescere nella fede approfondendone alcuni aspetti.

Durante le uscite è la pattuglia fede a proporre spunti di riflessione, e ci impegniamo, in tal senso, a valorizzare strumenti come il deserto, l'adorazione e le veglie.

STRADA

Questo clan ritiene che la strada sia un mezzo fondamentale per la crescita della comunità e cardine della condivisione fraterna. Essa, infatti, permette di incontrare l'altro, riconoscerlo per quello che è e condividere i medesimi valori.

Per noi camminare sulla strada, nell'essenzialità e nel silenzio, aiuta sia ad apprezzare la natura come dono di Dio che a scoprire se stessi. Per questo ci impegniamo a porre un'attenzione maggiore a tutto ciò che incontriamo lungo la strada, cogliendone l'aspetto spirituale: per favorire ciò siamo soliti iniziare il cammino con un momento di raccoglimento e di preghiera.

La strada, in quanto metafora del nostro cammino personale, ci aiuta a capire dove ci troviamo e dove vogliamo arrivare, offrendoci allo stesso tempo dei momenti di verifica personale. Rispondere al suo richiamo per noi vuol dire mettersi in gioco e assumersi le proprie responsabilità.

Impegnandoci a tarare il nostro passo su quello del più debole, la strada ci educa a porre maggiore attenzione nei confronti dell'altro.

La strada la si assapora già con la preparazione dello zaino, e lo zaino stesso è la fotografia di come il singolo vivrà la route. Non tanto la fatica quanto il gusto dell'essenzialità e la voglia di libertà ci portano a fare una scelta tra ciò che è necessario e ciò che è superfluo. Come comunità vogliamo impegnarci in questa direzione.

Le uscite sono occasioni di crescita della comunità e, pur essendo consapevoli dei numerosi impegni universitari, è nostro obiettivo rendere il Clan attivamente partecipe alla loro organizzazione, sperimentando anche modalità differenti di uscita (per esempio in bici, esperienze spirituali, uscite gemellate). Ciò presuppone un impegno serio e puntuale da parte dei singoli R/S anche nella gestione del proprio tempo, per garantire una presenza costante. Tale impegno dovrà essere confermato e accompagnato da una sempre crescente motivazione, soprattutto nella progettazione e nella costruzione della route. Questa rappresenta il culmine dell'anno e perciò deve essere vissuta sia individualmente che comunitariamente con lo spirito giusto, curandola nel dettaglio con il dovuto anticipo e impegnandosi al meglio per una sua buona realizzazione.

Il clan sente il bisogno di vivere almeno una volta l'anno l'esperienza dell'hike come occasione per sperimentare appieno l'avventura, il senso dell'accoglienza, l'essenzialità, l'affidarsi alla Provvidenza e per conoscere meglio un compagno di strada.

SERVIZIO

Per questa comunità il servizio è sia uno strumento di crescita fondamentale che educa a rispondere ai bisogni dell'altro sia una proposta che ci viene fatta per maturare una delle scelte della partenza.

Noi viviamo durante l'anno l'esperienza di servizio sia individuale che comunitario. Il servizio individuale viene proposto dallo staff ai nuovi, una volta inseriti appieno nella comunità. Di anno in anno facciamo esperienze di servizio differenti, proposte e scelte con l'aiuto del progressore personale in base al nostro punto della strada.

Avendo constatato che alcuni membri del Clan non fanno servizio e volendo che tutti si impegnino pienamente, riteniamo importante che i rover e le scolte più anziani siano di esempio mettendo a disposizione la propria esperienza. È inoltre nostro obiettivo condividere e verificare il nostro servizio con gli altri almeno tre volte l'anno.

Le "uscite di servizio" ci permettono di crescere e confrontarci comunitariamente rispetto a quello che è lo spirito con cui il servizio viene vissuto: ci proponiamo dunque di organizzarne almeno una l'anno.

Nel nostro servizio vogliamo ispirarci all'esempio di Gesù che è venuto per servire e non per essere servito (cfr Gv 12, 13-15).

Il servizio ci educa a capire che si è ricevuto tutto gratuitamente e spinge a donarci senza la pretesa di alcuna gratificazione (cfr Lc 14, 12-14).

Il nostro Clan annovera diverse tradizioni che lo caratterizzano nella sua diversità. Essendo questo composto da R/S provenienti da diverse regioni d'Italia, al ritorno dalle vacanza natalizie e pasquali ci ritroviamo e organizziamo una "cena tipica" nella quale si assaporano le pietanze tradizionali di ciascuna terra.

È usanza del nostro Clan riservare particolare attenzione all'accoglienza dei nuovi membri.

I nostri simboli caratteristici sono:

- il roverino, costituito da corde intrecciate, che rappresenta l'unione dei membri ed è un gioco tipico di questa comunità;

- il crocifisso-forcola, che rappresenta la costante presenza del Signore nelle nostre route durante le quali ci impegniamo a trovare e decorare un luogo che possa accoglierlo;

- il diario di Clan che custodisce pensieri, emozioni e impressioni di ogni R/S che abbia fatto parte del nostro Clan.

Questi tre simboli e la Carta di Clan vengono tramandati dal custode ad un membro a sua scelta una volta terminato il suo cammino con il Clan.

LA MIA FIRMA È IL MIO IMPEGNO