- reset +

In Evidenza

Sei uno studente fuorisede e vuoi continuare il cammino scout? 

In Evidenza



Video

This page require Adobe Flash 9.0 (or higher) plug in.

Chi Siamo

 Il gruppo  Scout Universitari “Il Mosaico” nasce nel 1995 all’interno della Cappella della Sapienza Università di Roma, con la collaborazione dei padri gesuiti. Inizialmente si tratta semplicemente di una comunità di scout, studenti universitari che, con cadenza quindicinale, si incontra per confrontarsi su alcune tematiche riguardanti il mondo dell’Università e per condividere un cammino di fede. Col tempo emerge la necessità di dar vita ad una comunità di confronto nonché all’esigenza di una presenza attiva, di testimonianza e di servizio per e nella Università. Il gruppo universitario si è posto l’obiettivo di garantire agli studenti fuorisede la possibilità di continuare il cammino Scout iniziato nelle città di provenienza, considerando le difficoltà inserirsi nei gruppi romani.

Per gli studenti universitari, l’Università diventa spesso una vera e propria città dove trascorrere gran parte della giornata anche al di fuori delle ore delle lezioni: i pasti, lo studio, gli incontri, il tempo libero. Questa dimensione “territoriale” viene vissuta in particolare dagli studenti fuorisede, che lontani dai loro luoghi originari e dalle loro abitudini ricercano un nuovo ambiente di vita quotidiana, capace di accoglierli e renderli parte attiva di una realtà sociale, quella universitaria, nella maggior parte dei casi completamente nuova.

In questo contesto si colloca lo scoutismo universitario, che, per essere completo, non può prescindere dal proporre agli studenti un approccio diverso allo studio, al vivere l’università in pienezza.

Il gruppo degli scout universitari, gruppo regolarmente censito nell’Agesci,  si compone di due comunità: il Clan ed il Co.Co. (Comunità di Coordinamento).

Il Clan accoglie i rover e le scolte studenti fuori sede dai 19 ai 21 anni, che percorrono l’ultimo tratto del cammino educativo proposto dallo Scautismo, fino alla Partenza, momento finale della formazione scautistica nel quale si è chiamati ad operare nel campo del servizio nel campo educativo  come capo scout, o nel mondo del  sociale.

Il Co.Co. è composto sia da ragazzi scout che hanno già preso la Partenza, dal clan universitario o da altri gruppi scout, sia da ragazzi che si accostano per la prima volta all’esperienza scout.

Il Clan “Il Mosaico” si riunisce settimanalmente nella sala studio della Cappella della Sapienza. Le attività svolte si inseriscono all’interno di un progetto educativo più ampio che mira al raggiungimento della maturità del ragazzo, secondo la metodologia scout. Le uscite, i campi estivi, i capitoli (discussioni attorno ad un tema specifico scelto dai ragazzi, con l’obbiettivo di formarsi una coscienza delle cose), il servizio, il cammino di fede, sono tutti strumenti che consentono al ragazzo di diventare un “Buon cittadino” (Baden-Powell).Il Clan universitario nasce con l’obiettivo di garantire ai rover e scolte fuorisede la possibilità di continuare un cammino verso la Partenza, nella concreta difficoltà sia di proseguirlo nei gruppi di provenienza sia  di inserirsi nei gruppi romani. Nel contempo si propone anche di affrontare un cammino significativo di approfondimento della condizione universitaria. I giovani del Clan Fin da subito sono impegnati nel servizio comunitario e personale (che ognuno di loro svolge almeno una volta a settimana) nelle uscite e campetti durante l’anno e nella route estive.

Anche il Co.Co. si riunisce nella Cappella dell’Università una volta alla settimana. Segue un Cammino di Fede ben definito e deciso da tutti i membri all’inizio dell’anno. Ogni membro ha fatto una precisa scelta di servizio, all’esterno del gruppo o al suo interno (staff di clan). Altri ancora svolgono un servizio associativo in gruppi scout della zona. Un’attività specifica svolta dal Co.Co. è  di essere referente per i diversi servizi di volontariato, per tutti gli studenti che si vogliono accostare a questa realtà.

Il Co.Co. (Comunità di Coordinamento) è una comunità in cui coesiste la realtà degli studenti e di coloro che entrano nel mondo del lavoro. Un’età difficile per lo scout, un’età in cui spesso ci si trova sballottati fra numerosi impegni e ci si trova a scegliere addirittura se restare o uscire dall’associazione. La presenza di questa comunità all’interno dell’Università è un punto di riferimento non solo per chi è scout, ma anche per coloro che non lo sono e che, condividendo l’obiettivo di “essere utile nella società” cercano un valido aiuto per indirizzare al meglio il proprio agire all’interno dell’Università.

La Comunità di Coordinamento è formata da capi e da soci adulti, che attuano la loro presenza di servizio nell’ambiente universitario nei modi propri dello scautismo realizzando, in quanto membri della Chiesa, la loro vocazione cristiana.

La Comunità di Coordinamento, fondata sull’adesione dei suoi soci adulti al Patto Associativo dell’Agesci, ha tra i suoi obiettivi specifici:

a) elaborare  e gestire il Progetto Educativo;

b) approfondire  i problemi educativi;

c) promuovere la formazione permanente;

d) promuovere l’inserimento e la presenza dell’Associazione nell’ambiente     universitario.

Il Co.Co. si caratterizza come una "comunità di fede" che offre ai propri membri un cammino di conversione del cuore. Questa scelta di essere Comunità cristiana si concretizza  nel vivere un cammino di fede  per crescere e consolidarsi, anche nell’ottica della testimonianza.

La storia del nostro gruppo è caratterizzata sin dalla nascita dall'appartenenza alla Cappella dell’Università “Sapienza” che in questi anni è diventata sempre più forte e irrinunciabile, anche con la presenza costante nel gruppo del cappellano e di altri padri gesuiti come  Assistenti Ecclesiastici.

La spiritualità ignaziana e lo stile dei Padri Gesuiti ha caratterizzato di fatto il percorso di fede del gruppo. Crediamo che questa sia una risorsa ed una ricchezza enorme, rispetto alla quale solo in parte abbiamo attinto.

Il Co.Co. considera il Servizio non solo una scelta, ma il caposaldo attorno cui si modella; vuole essere una comunità che rivolge un continuo sguardo alla realtà che lo circonda perché i suoi membri si mettano a  disposizione degli altri, secondo le proprie attitudini personali, in ambito associativo o extra-associativo.

Il Co.Co. è un luogo di condivisione, coordinamento e verifica del proprio impegno di servizio, inteso come  scelta che caratterizza l’esistenza stessa della Comunità in quanto, innanzitutto, un atteggiamento etico  poiché, se non si sceglie di donarsi, se una vita non è spesa a servizio degli altri, non è vissuta con pienezza.